TERRORISMO: SERRA, A ROMA PRONTI A GESTIRE QUALSIASI EMERGENZA
TERRORISMO: SERRA, A ROMA PRONTI A GESTIRE QUALSIASI EMERGENZA
IL PREFETTO, CITTADINI SEGNALINO TUTTE LE SITUAZIONI SOSPETTE

Roma, 11 ago. . (Adnkronos) - ''Facciamo il nostro lavoro di prevenzione e anche i debiti scongiuri, ma in caso di attentato nella Capitale e' di fondamentale importanza occuparsi del 'dopo'''. Lo afferma, in un'intervista a 'Il Messaggero', il prefetto di Roma, Achille Serra, che sottolinea: ''Se, Dio non voglia, accadesse una tragedia tipo quella di Madrid non possiamo permetterci di essere impreparati''. Ecco perche', annuncia, ''scatterebbe immediatamente un coordinamento centralizzato nella Prefettura. Si preoccuperebbe di gestire tutta la rete di soccorsi. Protezione civile, distribuzione delle forze dell'ordine e, soprattutto, l'immediato funzionamento operativo di tutti gli ospedali''.

''A Roma -spiega il prefetto- gli obiettivi cosiddetti sensibili sono tra i 5.000 e i 6.000. Noi abbiamo messo sotto scorta le stazioni, le ambasciate, luoghi di culto, le sedi istituzionali e gli aeroporti. Ma il fatto incontrovertibile e' che i terroristi hanno il vantaggio di sapere se, come, quando e dove colpire. E non e' un vantaggio da poco''. Per questo Serra invita ''i cittadini a segnalare qualunque situazione sospetta possa presentarsi davanti ai loro occhi. Magari ci saranno falsi allarmi, ma io preferisco che si faccia un viaggio a vuoto in piu' piuttosto che trascurare ogni eventualita', seppur remota, di attentato''.

(Mig/Ct/Adnkronos)