CIT: DOMANI GIORNATA DECISIVA, ASSEMBLEA E RIUNIONE A P.CHIGI (2)
CIT: DOMANI GIORNATA DECISIVA, ASSEMBLEA E RIUNIONE A P.CHIGI (2)

(Adnkronos) - E proprio il coinvolgimento di Sviluppo cosi' come il rapporto con le banche creditrici potrebbe risultare un ostacolo difficile da aggirare. La strada appare in salita anche perche', da quanto si apprende da fonti vicine agli istituti coinvolti, quello di domani e', almeno per ora, un incontro 'al buio'. Le banche, in sostanza, si siederanno al tavolo per esaminare una situazione che non conoscono a fondo. Senza alcuna valutazione pregiudiziale, riferiscono le fonti. Ma il supporto delle banche, si rileva, e' strettamente subordinato a un piano di ristrutturazione forte che dovra' essere dettagliatamente esposto e condiviso con l'azienda.

Gli appuntamenti di domani seguono la richiesta esplicita da parte dell'azienda, con una lettera al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta e al ministro delle attivita' produttive Antonio Marzano lo scorso 20 agosto, di un intervento diretto del governo per trovare una soluzione alla difficile crisi di liquidita' del gruppo quotato a Piazza Affari. A rischio, si rilevava sono oltre 1000 dipendenti. Quanto alla sottoscrizione dell'aumento di capitale, nonostante le ipotesi che parlano di un contributo da parte di alcuni soci che preluda anche ad una nuova distribuzione delle quote tra i principali azionisti, niente sembra ancora deciso. L'assetto azionario, al momento, accanto all'azionista di maggioranza Gianvittorio Gandolfi (al 39,4% del capitale attraverso 17 holding spa), vede la presenza di Banca Intesa (5,4%), di Abaxbank (2%), del fondo European Development Capital Limited Partnership (14,7%) e del gruppo francese Accor (10%). (segue)

(Fin-Mig/Rs/Adnkronos)