NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (2)
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (2)

Napoli. ''L'opposizione all'inceneritore ci vedra' ancora in piazza in modo civile e pacifico perche' sappiamo di essere dalla parte della ragione, perche' sappiamo che non e' possibile imporre l'impianto contro la volonta' di un'intera popolazione''. E quanto fa sapere oggi il Comitato cittadino contro la realizzazione dell'inceneritore ad Acerra. I cittadini vogliono ricordare che gli incidenti di domenica scorsa, ''causati - sottolineano - da un gruppo di teppisti, che nulla hanno a che fare con la lotta contro l'inceneritore, e da una reazione spropositata delle forze dell'ordine non possono nascondere l'entusiasmante manifestazione di migliaia di mamme, bambini, giovani che rivendicavano, armati solo di disperazione, il diritto di vivere in un ambiente sano''. ''L'inceneritore ad Acerra e' una scelta non solo sbagliata ma criminale'' affermano i componenti del Comitato in una nota. E portano a conferma lo studio pubblicato da ''The Lancet Oncology''. Studio che confermerebbe, si aggiunge, quanto ''pretestuose e sbagliate - siano le ragioni del Commissario Catenacci, di Bassolino e del Governo Nazionale che insistono nel voler costruire una mega inceneritore da 2000 tonnellate al giorno in un territorio definito 'il triangolo della morte', dove si muore per cancro piu' che altrove in Italia''. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)