CACCIA: BONADONNA (PRC), PREAPERTURA GRAVE PROVA DI CRUDELTA'
CACCIA: BONADONNA (PRC), PREAPERTURA GRAVE PROVA DI CRUDELTA'

Roma, 31 ago. (Adnkronos) - ''Le giornate di preapertura della caccia e le ulteriori deroghe per le specie cacciabili, decise da Storace, costituiscono un'ulteriore grave prova di crudelta' nei confronti di altre specie viventi''. Lo afferma Salvatore Bonadonna, capogruppo del Partito della Rifondazione comunista alla Regione Lazio, in merito alle decisioni della Giunta Storace di consentire la caccia al colombaccio e, successivamente, anche alla starna, attraverso una modifica e un'integrazione al calendario venatorio.

''Come se non bastasse -sottolinea Bonadonna- il danno 'ordinario' alla fauna selvatica prodotto dalla caccia nel periodo previsto, Storace, per venire incontro alla lobby venatoria alimentata dai produttori di armi e di abbigliamento, ha confermato la sciagurata decisione della preapertura nei giorni 1, 4 e 5 di settembre e l'ampliamento delle specie cacciabili, con due decreti di questi giorni. L'insensibilita' di questa maggioranza nei confronti dell'ambiente si conferma anche attraverso queste decisioni relative alla fauna selvatica''.

Secondo Bonadonna ''e' sacrosanta la protesta delle associazioni ambientaliste ed animaliste che, anche in quest'occasione, hanno levato la loro voce a salvaguardia della biodiversita' e della vita di tante specie animali che la compongono''.

(Ala/Pe/Adnkronos)