EUTANASIA: EXIT-ITALIA, LO SCANDALO NON E' OLANDA MA REAZIONE SIRCHIA
EUTANASIA: EXIT-ITALIA, LO SCANDALO NON E' OLANDA MA REAZIONE SIRCHIA

Roma, 31 ago. (Adnkronos) - ''Non vi e' alcuno scandalo nell'estensione ai minori, fino ai neonati, della legge olandese sull'eutanasia. Anzi, viene sanata una palese ingiustizia che, nelle stesse condizioni, non permetteva il trattamento eutanasico sotto i 12 anni''. E' quanto sostiene Silvio Viale, medico e membro del Direttivo e del Comitato Scientifico di Exit-Italia per commentare le reazioni del ministro Girolamo Sirchia. ''Scandalosa e' -sottolinea Viale- la immorale ed ipocrita reazione del Ministro Sirchia e quella del Presidente dei Medici, per i quali la sofferenza e' ovviamente l'unica soluzione possibile, anche quando tute le opportunita' terapeutiche e palliative, comprese quelle non disponibili in Italia, siano inutili e non piu' vantaggiose''.

''Soprattutto nei bambini -aggiunge tra l'altro il medico- si tratta di casi disperati e drammatici, ove la possibilita' di una vita, con la qualita' propria della vita, e' ormai completamente compromessa, per cui ogni riferimento a malattie ancora curabili o a miracolanti terapie palliative e' totalmente fuori luogo. Mantenere le sofferenze in tali casi non e' etico, a meno che si riduca il concetto di vita ad una mera espressione biologica. Sono quindi ridicoli i riferimenti del collega Del Barone allo 'stroncare di ogni speranza', o ai benefici alla 'evoluzione della scienza' su questi casi, come pure la limitazione della casistica al 'coma' che si risveglia con i dischi di Pavarotti''.

(Stg/Pe/Adnkronos)