INCENDI: WWF, REGIONE PUGLIA CAMBI LEGGE SU BRUCIATURA STOPPIE
INCENDI: WWF, REGIONE PUGLIA CAMBI LEGGE SU BRUCIATURA STOPPIE

Bari, 31 ago. - (Adnkronos) - Il segretario del Wwf della Puglia, Luigi Agresti, ha chiesto ai competenti enti regionali ''una sostanziale modifica'' della legge numero 15 del 1997 che disciplina le norme in materia di bruciatura delle stoppie chiedendo ''che preveda il divieto assoluto di bruciatura e in sua sostituzione la piu' classica e ovvia tecnica di aratura dei campi''. L'associazione del panda sottolinea infatti che sono stati giorni di fuoco per i boschi di Puglia, nella sola provincia di Bari numerosi roghi hanno devastato oltre duecento ettari di bosco e cento ettari di pascolo stepposo murgiano. Come hanno accertato i rilievi del Corpo Forestale dello Stato, oltre alle cause incendiarie di tipo doloso ci sono anche quelle di natura colposa.

''Il fuoco devastatore - spiega Agresti - ha avuto origine dai seminativi nei quali a norma di legge e' possibile, dal 1? agosto, praticare la bruciatura delle stoppie. Una dannosissima tecnica colturale, una condanna per boschi e fauna, che permette appunto dopo l'avvenuta trebbiatura del grano, di poter dar fuoco ai residui vegetali rimasti nei campi. Cosi' spesso, come sta accadendo in queste ore, dai terreni seminativi posti a ridosso delle aree boscate, fuochi mai controllati e sospinti dai forti venti intaccano irreparabilmente i boschi''.

(Nfr/Pe/Adnkronos)