PAPA: LETTERA DI ALESSIO II, GRAZIE PER ICONA MA SERVE RISPETTO
PAPA: LETTERA DI ALESSIO II, GRAZIE PER ICONA MA SERVE RISPETTO
PATRIARCA RIBADISCE, NO A PROSELITISMO E RICONOSCETE LA STORIA

Citta' del Vaticano, 31 ago. - (Adnkronos) - Il trasferimento dell'icona di Kazan e' ''un passo nella giusta direzione, nella convinzione che nel futuro tutto cio' che e' possibile verra' fatto per sistemare alcuni problemi esistenti fra le nostre due Chiese''. Ma, ribadisce ancora una volta il patriarca ortodosso di Mosca e di tutte le Russie, ''l'apertura nelle relazioni fra i cristiani di varie confessioni presuppone rispetto l'uno per l'altro, conoscenza della loro storia comune e sensibilita' nel portare avanti azioni nei territori dove un'altra tradizione cristiana e' esistita per secoli''. Il patriarca di Mosca Alessio II ha fatto recapitare a Giovanni Paolo II questo messaggio attraverso il cardinale Walter Kasper dopo la solenne restituzione, lo scorso 28 agosto a Mosca, della copia dell'icona di Kazan che era stata custodita per 11 anni dal Papa in Vaticano.

Il Patriarca ortodosso ringrazia ''di cuore'' e ''sinceramente'' il pontefice per aver fatto riportare in Russia l'icona. Il trasferimento dell'icona, scrive il patriarca Alessio II nella lettera resa nota stamane dal Vaticano, rappresenta ''sia un atto di restaurazione della giustizia sia un gesto di buona volonta' da parte di Sua Santita'''.

''Credo che la vostra decisione -aggiunge- indichi il sincero desiderio di superare le difficolta' esistenti nelle relazioni'' fra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa. ''Possa questo evento diventare il nostro comune contributo per superare le conseguenze negative della storia del XX secolo marcata da una persecuzione senza precedenti contro la fede cristiana''. (segue)

(Mbr/Ct/Adnkronos)