ROMA: ARRESTATI DAI CC PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA DUE MINORENNI
ROMA: ARRESTATI DAI CC PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA DUE MINORENNI
PICCHIANO I GENITORI CHE NON LI FANNO USCIRE DI CASA

Roma, 31 ago. - (Adnkronos) - I genitori gli proibiscono di uscire di casa e loro li aggrediscono a calci e pugni. Sono cosi' finiti in manette, per maltrattamenti in famiglia, due fratelli di 14 e 16 anni di Roma. Vittorio, 14 anni, e Lisa, 16 (i nomi sono di fantasia), avevano chiesto ai genitori di poter uscire per trascorrere una serata tra amici. Al loro rifiuto i due ragazzi hanno dapprima spintonato il padre, invalido all'80%, dopodiche' hanno assalito anche la madre colpendola con qualche pugno. A quel punto, probabilmente preoccupati per le possibili conseguenze, hanno chiamato il 112 dicendo ai Carabinieri che i genitori si rifiutavano di farli uscire tenendoli segregati.

La Centrale Operativa ha, quindi, inviato una gazzella del Nucleo Radiomobile, che arrivata sul posto, in via delle Dolomiti, ha trovato i genitori con il volto sconvolto e sotto schock. I militari, informa una nota, hanno ascoltato la versione dei figli e, poi, quella dei genitori che, fra le lacrime, hanno ammesso la verita': erano stati aggrediti dai loro figli perche' non volevano farli uscire di casa. A quel punto i Carabinieri hanno chiesto ai due minorenni di scendere con loro. Vittorio, nel tentativo di sfuggire ai militari, ha strappato la camicia ad un Carabiniere, Lisa invece, dopo aver inveito verbalmente contro le Forze dell'Ordine ha provato a graffiare un militare. I due, prontamente fermati, sono stati portati in auto e condotti in caserma dove per loro sono scattate le manette con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni a Pubblico Ufficiale. I due ragazzi sono stati successivamente condotti presso il centro di prima accoglienza di via Virginia Agnelli a disposizione dell'Autorita' giudiziaria minorile.

(Rre-Bis/Rs/Adnkronos)