ENERGIA: VERNETTI, NUCLEARE DISECONOMICO E ANCORA POCO SICURO
ENERGIA: VERNETTI, NUCLEARE DISECONOMICO E ANCORA POCO SICURO
SIAMO DI FRONTE A EMERGENZA NAZIONALE, CI VUOLE CONFRONTO BIPARTISAN

Roma, 31 ago. (Adnkronos) - ''L'energia e' un'emergenza nazionale e internazionale ed e' quindi importante che si tenti un confronto bipartisan'', dice Gianni Vernetti, responsabile Energia della Margherita. ''Questo e' lo spirito con il quale ieri abbiamo presentato un pacchetto di proposte per riformare radicalmente la politica energetica del nostro Paese. Lo ribadiamo ancora: serve piu' innovazione, piu' energia pulita, piu' liberalizzazione, piu' concorrenza ma bisogna soprattutto guardare al futuro riducendo i costi delle energie rinnovabili, scommettendo nel medio periodo sull'economia all'idrogeno, investendo su risparmio ed efficienza energetica, avviando una nuova grande stagione di ricerca scientifica ed innovazione tecnologica''.

Per Vernetti, ''con tutto cio' il nucleare c'entra poco perche' diseconomico (non c'e' un solo privato al mondo che oggi investa sul nucleare) perche' non sono ancora risolti i problemi connessi con lo smaltimento in sicurezza delle scorie (ci siamo gia' dimenticati di Scanzano Jonico?) e perche' il rischio di incidenti e' sempre pericolosamente presente, come dimostra il recente episodio di una centrale nucleare in Giappone''.

(Pol-Gmg/Pe/Adnkronos)