WTO: DA' RAGIONE A UE SU EMENDAMENTO 'BYRD', SI' A SANZIONI
WTO: DA' RAGIONE A UE SU EMENDAMENTO 'BYRD', SI' A SANZIONI

Ginevra, 31 ago. (Adnkronos/Marketwatch) - Il Wto, l'organizzazione mondiale del commercio, ha dato ragione a 8 paesi membri, che chiedevano di imporre sanzioni contro gli Usa, rei di non aver cancellato il cosiddetto emendamento 'Byrd'. Lo si apprende da fonti comunitarie interpellate dall'ADNKRONOS. In base all'emendamento che il Wto ha classificato come illegale nel 2003, dando agli Usa tempo fono al 2003 per cancellarlo, il governo a stelle e strisce concedeva alle compagnie statunitensi fondi derivanti dalle sanzioni che imponevano a quelle compagnie straniere accusate di pratiche di 'dumping'. In mattinata prima che venisse resa nota la 'sentenza' la portavoce del commissario europeo del commercio, Arancha Gonzales aveva precisato come ''una volta che avremo il parere del Wto la Ue potra' pensare a imporre le opportune sanzioni''.

(Gct/Pe/Adnkronos)