CAMORRA: CAMPANIA, 700 MILA EURO PER USO BENI CONFISCATI
CAMORRA: CAMPANIA, 700 MILA EURO PER USO BENI CONFISCATI
LI HA STANZIATI LA REGIONE PER OTTO PROGETTI

Napoli, 3 gen. (Adnkronos) - Ammonta a 700mila euro la cifra stanziata dalla Giunta regionale della Campania per finanziare otto progetti per il riuso di beni confiscati alla camorra. I com,uni interessati sono quello di Napoli, Pomigliano d’Arco, Villaricca, Pignataro Maggiore, Casal di Principe, Sarno, Castelvolturno e Angri. La delibera approvata stata proposta dall’assessore alla Sicurezza urbana, Maria Fortuna Incostante.

In particolare: 68mila euro sono stati destinati al Comune di Napoli per interventi di ristrutturazione alla casa confiscata ai Giuliano, nel quartiere di Forcella. L’intervento regionale consentir la realizzazione di un polo di aggregazione per i giovani del quartiere con attivit di animazione e di educazione alla legalit. La cifra di 92mila euro sar destinata al Comune di Pomigliano d’Arco dove i finanziamenti serviranno per i lavori di adeguamenti di Palazzo Siani che ospiter il corpo di polizia locale. E ancora, 200mila euro sono stati destinati al Comune di Casal di Principe per quella che stata chiamata “casa Don Diana”, in onore del sacerdote ucciso dalla camorra e che ospiter un centro di accoglienza per minori in affido. I 108mila euro assegnati al Comune di Villaricca per l’edificio di corso Italia, confiscato alla camorra, sar destinato soprattutto a finanziare l’adeguamento strutturale e l’abbattimento delle barriere architettoniche, di modo che lo stabile diventi sede di associazioni culturali e di volontariato. (segue)

(Sia/Rs/Adnkronos)