ANTITRUST: BONDI, POLEMICHE SU NOMI PERCHE' NON DI CENTROSINISTRA
ANTITRUST: BONDI, POLEMICHE SU NOMI PERCHE' NON DI CENTROSINISTRA
SONO STATE DESIGNATE DUE PERSONALITA' DI SICURA INDIPENDENZA

Roma, 3 gen. (Adnkronos) - ‘’Il ‘Corriere della Sera’, con il sostegno dottrinario del professor Sabino Cassese, sta cercando di introdurre nel nostro ordinamento un nuovo principio giuridico: chi non di centrosinistra e chi non contrario alle posizioni del presidente Berlusconi e alla legge Gasparri non pu far parte di una autorit indipendente come l'Antitrust’’. Cosi’ Sandro Bondi, coordinatore nazionale di Forza Italia, interviene nel dibattito sulle nomine Antitrust.

‘’Il presunto leader dell'opposizione Prodi -sottolinea l’esponente azzurro- si subito accodato con diligenza all'operazione. In realt, con le nomine effettuate il 29 dicembre i presidenti Pera e Casini hanno designato due personalit di elevato profilo istituzionale e di sicura indipendenza: certamente non appartengono alla stessa area culturale dei componenti dell'Antitrust ora in carica o appena scaduti ma ci, aumentando il tasso di pluralismo dell'istituzione, non pu che arrecare beneficio all'Autorit Antitrust che, ricordiamo, fu nominata dai presidenti Mancino e Violante, con un marcato carattere monocolore (di centrosinistra)’’. (segue)

(Pol-Vam/Rs/Adnkronos)