MILANO: LEGA NON MOLLA, GIUNTA ALBERTINI SEMPRE SOTTO ESAME/ADNKRONOS
MILANO: LEGA NON MOLLA, GIUNTA ALBERTINI SEMPRE SOTTO ESAME/ADNKRONOS
SALVINI, IL PROBLEMA E' IL SINDACO CHE SI SENTE AL DI SOPRA DI TUTTI

Roma, 3 gen. - (Adnkronos) - Acque sempre agitate per la Cdl a Milano. Dopo la decisione del Consiglio nazionale della Lega Lombarda di uscire dalla giunta comunale in aperta polemica con il sindaco Albertini pur garantendo l’appoggio esterno alla maggioranza di centrodestra, il Carroccio non demorde. Una grana in piu’ per Silvio Berlusconi, alle prese con il nodo delle regionali, banco di prova decisivo per la tenuta della sua coalizione. Matteo Salvini, capogruppo dei lumbard in Consiglio comunale detta la linea, che suona come un vero e proprio monito agli alleati: ‘’Fino a quando Albertini restera’ in carica, valuteremo le delibere consiliari di volta in volta, controllando se sono coerenti con il programma’’.

Sotto accusa resta il primo cittadino di Fi:’’La Lega non ha strappato con la Cdl. A Milano semmai, il problema piu’ che politico e’ personale, perche’ abbiamo un sindaco che si sente al di sopra di tutto e di tutti. Dovrebbe essere il sindaco di un’intera coalizione e, invece, fa il sindaco di se stesso’’. Gli fa eco l’ex ministro Giancarlo Pagliarini, che ha riconsegnato le deleghe di assessore al Demanio:’’Il Consiglio nazionale, riunitosi il 30 dicembre scorso ha ratificato la decisione di ritirare i rappresentanti della Lega. Io ho consegnato le mie deleghe. Non potevo certo stare in una giunta comunale dove il suo capo, Albertini, cito le sue parole, dice che i consiglieri leghisti sono degli irresponsabili’’. (segue)

(Vam/Zn/Adnkronos)