RAI: CATTANEO SU 'REPORT', NON CENSURO NESSUNO MA DIFENDO PLURALISMO
RAI: CATTANEO SU 'REPORT', NON CENSURO NESSUNO MA DIFENDO PLURALISMO
SIAMO COME UN'AGORA', TUTTI HANNO DIRITTO DI PARLARE

Roma, 18 gen. (Adnkronos) - “La mia decisione non contro Report, semmai in favore del pluralismo”. Queste le parole del direttore generale della Rai Flavio Cattaneo in un’intervista a ‘La Repubblica’, a proposito della scelta di mandare in onda, su Rai2, un altro programma sulla Sicilia, dopo le polemiche che si sono scatenate sulla puntata della trasmissione di Raitre ‘Report’ dedicata agli intrecci tra mafia e imprenditoria in Sicilia. “Report un programma d’inchiesta, e il giornalismo d’inchiesta parla delle cose che vanno male -continua Cattaneo-. La societ siciliana per molto articolata, e la Rai vuole solo che un’altro programma parli di quella Sicilia che lavora e produce”.

Il direttore della tv di Stato non vede poi nella messa in onda della trasmissione sulla seconda rete un possibile antagonismo con Rai3, e circa il mancato affidamento della stessa a ‘Report’ afferma: “La nostra azienda come l’agor greca, tutti hanno diritto di parlare. La Sicilia ospita decine di multinazionali; trovo sacrosanto valorizzarle, altrimenti si corre il rischio di dare una visione distorta di una regione importante”. Cattaneo commenta cos il fatto che tutte le proteste contro ‘Report’ arrivino dal Polo: “Quando tocchi una citt o una regione scatta un orgoglio territoriale, comune a tutti i partiti”. “E’ una polemica culturale, non politica -chiude il direttore generale-, in Sicilia poi neanche si vota”.

(Tgl/Gs/Adnkronos)