SVIZZERA: FECERO PRECIPITARE NO GLOBAL DA UN PONTE, INCRIMINATI DUE POLIZIOTTI
SVIZZERA: FECERO PRECIPITARE NO GLOBAL DA UN PONTE, INCRIMINATI DUE POLIZIOTTI
CONTESTATO IL REATO DI LESIONI PERSONALI INVOLONTARIE

Losanna, 27 gen.- (Adnkronos/ats) -I due poliziotti svizzeri, che durante il G8 avevano reciso la fune sul ponte di Aubonne alla quale erano appesi due no global, saranno incriminati di lesioni personali involontarie. Il Tribunale cantonale vodese ha ammesso il ricorso presentato dai due attivisti, il britannico Martin Shaw e la sua amica tedesca Gsine Wenzel, ha precisato oggi in un comunicato il loro legale, Jean-Pierre Garbade.

Lo scorso ottobre, il giudice istruttore cantonale Jacques Antenen aveva deciso il non luogo a procedere nei riguardi dei due agenti e affermato che l’incidente di cui era rimasta vittima la coppia era principalmente dovuto alla temerariet dei manifestanti. Il britannico, precipitato per una ventina di metri dal ponte, aveva subito lesioni gravi. La sua compagna era invece stata salvata in extremis da altri militanti, che avevano impedito la sua caduta afferrando l’estremit della fune.

I due agenti incriminati sono un poliziotto di Sciaffusa, che ha materialmente reciso la fune, ed il suo superiore, che gli avrebbe dato l’ordine.

(Res/Ct/Adnkronos)