GIUSTIZIA: PECORELLA, CON SCUOLA MAGISTRATI FUORI DA APPARTENENZA POLITICA
GIUSTIZIA: PECORELLA, CON SCUOLA MAGISTRATI FUORI DA APPARTENENZA POLITICA
SE SI ISCRIVONO A PARTITI NON SONO AL DI SOPRA DELLE PARTI

Roma, 11 feb. (Adnkronos) - “Il Consiglio superiore della magistratura stato inteso come organo disciplinare nel ’48, molto prima che nascessero le correnti politiche. Ma oggi, ogni volta che si parla di un’elezione che riguarda la magistratura, la prima preoccupazione quella di chiedersi con che corrente politica si identifica questo o quel magistrato. E’ evidente, quindi, che bisogna creare una scuola autonoma e apolitica per la formazione dei magistrati”. Lo ha affermato il presidente della commissione Giustizia della Camera Gaetano Pecorella, ospite della trasmissione “Omnibus” su La 7.

L’esponente di Forza Italia si poi soffermato sul divieto per i magistrati di appartenere a partiti politici: “ ovvio -ha detto- che una persona iscritta a un partito ha una serie di obblighi e rapporti che gli impediscono di essere al di sopra delle parti”.

(Pol-Sam/Col/Adnkronos)