MAFIA: BANDOLI (DS), RIVEDERE PROCEDURE APPALTI LEGGE OBIETTIVO
MAFIA: BANDOLI (DS), RIVEDERE PROCEDURE APPALTI LEGGE OBIETTIVO
GOVERNO CI RIPENSI, PONTE SU STRETTO MESSINA NON E' PRIORITA'

Roma, 11 feb. (Adnkronos) - “Gli arresti sono solo la conferma di ci che gi da tempo sappiamo, e cio che vi sono pesanti infiltrazioni mafiose negli appalti e nei sub appalti che riguardano i lavori di preparazione e movimentazione terra in vista della ipotetica costruzione del ponte sullo stretto di Messina. La prima cosa da verificare, e lo diciamo al governo, sono le procedure previste dalla legge obiettivo, che non hanno la trasparenza necessaria’’. E’ quanto afferma la responsabile della Sinistra ecologista Ds, Fulvia Bandoli, dopo l’operazione antimafia che ha portato alla luce le infiltrazioni criminali nella gara d’appalto per l’assegnazione dei lavori di costruzione del ponte sullo stretto di Messina.

Sul progetto del ponte ‘’crescono dubbi seri in vari settori della societ italiana e degli esperti economici: sicuramente -sostiene Bandoli- non si tratta dell’opera prioritaria per il Mezzogiorno, che manca ancora di tutte le reti primarie, i conti economici non tornano e l’investimento di denaro pubblico ingentissimo, oltre all’impatto ambientale che non stato considerato in tutte le sue valenze. Mi auguro –conclude- che queste ulteriori e pesanti ombre inducano il governo a ripensare seriamente le priorit infrastrutturali del nostro Paese”.

(Red-Pol/Gs/Adnkronos)