BENI CULTURALI: DAMIANI E ROSATO, SOS PER OPERE D'ARTE ITALIANE IN ISTRIA
BENI CULTURALI: DAMIANI E ROSATO, SOS PER OPERE D'ARTE ITALIANE IN ISTRIA
INTERROGAZIONE PARLAMENTARI TRIESTINI CENTROSINISTRA

Trieste, 12 feb. (Adnkronos) - Il deputato di Intesa Democratica, Ettore Rosato e il deputato civico, Roberto Damiani, entrambi di Trieste, hanno indirizzato un’interrogazione al Ministro per gli Affari Esteri e al Ministro per i Beni e le Attivita' Culturali per chiedere interventi a tutela dell’arte italiana in Istria. Proprio nella settimana delle celebrazioni per il Giorno del Ricordo, Rosato e Damiani vogliono esprimere la loro preoccupazione per il precario stato di conservazione, di degrado o addirittura di abbandono in cui si trovano ''testimonianze insigni della significativa presenza italiana in Istria''.

Secondo i due deputati, in Istria ''la presenza costante e cospicua di popolazioni di lingua e cultura italiana' e' tuttora testimoniata non solo dalle nostre comunita' che vi risiedono, ma anche dalla ricchezza e vastita' del patrimonio culturale e artistico, com’e' per le pale di Carpaccio nel duomo di Capodistria o il polittico di Vivarini a Parenzo''.

Rosato e Damiani chiedono ai Ministri competenti se, a partire da un lavoro di ricerca e documentazione iniziato dall’Universita' di Trieste, non ritengano ''opportuno, utile e urgente proseguire la ricognizione dei manufatti artistici, architettonici e urbanistici che, presenti in Istria, siano espressione qualificante della cultura italiana, al fine di avviare azioni di catalogazione, tutela, recupero e valorizzazione. (segue)

(Neb/Pe/Adnkronos)