IRAQ: OIL FOR FOOD, BAGHDAD AVREBBE 'COMPERATO' UN ISPETTORE DELLA SAYBOLT
IRAQ: OIL FOR FOOD, BAGHDAD AVREBBE 'COMPERATO' UN ISPETTORE DELLA SAYBOLT
PROSEGUE INCHIESTA 'SOLE 24 ORE' E 'FINANCIAL TIMES'

Roma, 12 feb. (Adnkronos) - Secondo documenti iracheni nelle mani degli investigatori dell’Onu e del Congresso Usa, gli iracheni avrebbero corrotto un ispettore della Saybolt, la societ olandese ingaggiata dall’Onu per tenere sotto controllo le operazioni portuali nell’ambito del programma ‘Oil for Food’. A darne notizia il ‘Sole 24 Ore’, che prosegue a portare avanti l’inchiesta in collaborazione con il ‘Financial Times’ sullo scandalo internazionale. I documenti iracheni, di cui il Sole 24 Ore e Financial Times hanno copia, indicano per la prima volta il nome e l’ammonatre di una tangente pagata a un dipendente della Saybolt.

Da un memorandum della compagnia petrolifera di Stato irachena ‘Somo’ risulta che in due occasioni l’ispettore ha falsificato la lettera di vettura facendo risultare quantitativi inferiori a quelli caricati. Il memorandum identifica l’ispettore con il nome di ‘Armando Carlos’, ma grazie a un numero di passaporto incluso in un altro documento, investigatori del Senato Usa hanno stabilito che gli iracheni si riferivano a un portoghese impiegato dalla Saybolt in Iraq, Armando Carlos Oliveira. (segue)

(Rag/Gs/Adnkronos)