VENEZUELA: MINISTRO RUSSO LAVROV, NOSTRA VENDITA ARMI A CHAVEZ NEL RISPETTO DELLE NORME
VENEZUELA: MINISTRO RUSSO LAVROV, NOSTRA VENDITA ARMI A CHAVEZ NEL RISPETTO DELLE NORME
DOPO PREOCCUPAZIONE DIPARTIMENTO DI STATO USA

Caracas, 12 feb. - (Adnkronos) - L’acquisto di armi dalla Russia da parte del Venezuela “non travalica le norme e gli accordi internazionali”. Lo ha precisto il ministro degli Affari Esteri russo, Serguei Lavrov, in merito alla “preoccupazione” manifestata nei giorni scorsi dal dipartimento di Stato Usa sull’acquisto di 100mila fucili dalla Russia da parte del governo di Hugo Chavez. Il governo russo ritiene “infondati”, secondo conferme del ministero degli Esteri di Mosca, i timori degli Usa.Sull’argomento tornato all’attacco anche il vicepresidente venezuelano, Vincente Rangel. “Non credo che se il Venezuela avesse comprato armi dagli Stati Uniti gli Usa sarebbero tanto preoccupati”, ironizza il braccio destro di Chavez. Il dipartimento di Stato aveva mostrato timori sul rischio che parte di questi armamenti possano finire nelle mani di gruppi terroristi. L’acquisto di armi da parte del Venezuela, sottolinea Rangel, “ un atto della sovranit del nostro Paese che il presidente Chavez non intende discutere”. Il vicepresidente di Caracas ha sottolineato anche la “massima trasparenza” dell’operazione.

(Aba/Rs/Adnkronos)