IRAQ: MONACO (DL), ONERE INIZIATIVA SPETTA A GOVERNO
IRAQ: MONACO (DL), ONERE INIZIATIVA SPETTA A GOVERNO
SE VOTO E' SVOLTA ANCHE MISSIONE DEVE CAMBIARE

Roma, 12 feb. (Adnkronos) - "Caro Fini, non accettiamo lezioni di chiarezza da un governo che, quando la guerra fu ingaggiata, riusci' nel capolavoro di ipocrisia di qualificarsi come ‘non belligerante, ma non neutrale’ e che imbasti' frettolosamente una missione, definita umanitaria, ma fatta per nove decimi da militari, per farsi fare la foto ricordo tra i vincitori, illudendosi che, rimosso Saddam, tutti i problemi fossero risolti. E' al governo, e non a noi, che si deve chiedere conto della coerenza’’. E’ quanto afferma il vicepresidente dei deputati della Margherita, Franco Monaco, in riferimento all’intervento del ministro degli Esteri, Gianfranco Fini, su ‘Il Riformista’, che chiede all’opposizione di assumersi le proprie responsabilita’ sulla missione italiana in Iraq.

‘’E' il governo -continua Monaco- che dopo mesi di inerzia e subalternita' deve mostrare uno straccio di iniziativa politica in sede internazionale, di cui ancora non si vede l'ombra. Come pretendere da noi l'avallo al mero, automatico rifinanziamento di una missione concepita su tutt'altre base e in tutt'altro contesto. Proprio chi, noi tra questi, riconosce la positiva discontinuita' rappresentata dalle elezioni irachene deve esigere -sottolinea- una reale e visibile discontinuita' nel concepire e impostare la missione italiana, da iscrivere dentro forze multinazionali a guida Onu e non piu' associata a forze di occupazione’’.

(Red-Pol/Ct/Adnkronos)