BENZINA: CONFESERCENTI, IN TRE ANNI PAGATI 4,2 MLD IN PIU' PER ACCISE
BENZINA: CONFESERCENTI, IN TRE ANNI PAGATI 4,2 MLD IN PIU' PER ACCISE
VENTURI, RENDERE AUTOMATICHE RIDUZIONI FUTURE

Roma, 12 mar. (Adnkronos) - Negli ultimi tre anni gli italiani hanno pagato oltre 4.200 miliardi di euro in pi sul prezzo della benzina a causa degli aumenti delle accise e della relativa iva: una cifra pari alle risorse che il Governo ha messo in campo con il decreto sulla competitivit. E’ quanto rileva Confesercenti in una nota.

Oltre ai continui aumenti delle quotazioni del greggio e dei singoli prodotti per autotrazione sui mercati internazionali, gli automobilisti italiani hanno dovuto pagare infatti anche l’effetto degli automatismi che sono stati incamerati dallo Stato. Dal 2001 ad oggi, l’esecutivo ha messo mano tre volte alle accise: il primo novembre 2001 con un primo aumento da 0,527 a 0,542 euro per litro per la benzina verde, da 0,382 a 0,403 il gasolio motori e da 0,145 a 0,157 euro/litro per il g.p.; il 29 dicembre 2003 scattato poi il secondo aumento, sia pure per la sola benzina (da 0,542 a 0,559 euro per litro) per coprire gli oneri del rinnovo del contratto dei dipendenti del Trasporto Pubblico Locale; infine, dal 22 febbraio scorso, il nuovo aumento di 0,010 euro per litro sul gasolio e di 0,005 per la benzina. (segue)

(Sec-Val/Ct/Adnkronos)