COMPETITIVITA': URSO, ATTIVO 'MADE IN ITALY' DIVORATO DA SPESE PER ENERGIA
COMPETITIVITA': URSO, ATTIVO 'MADE IN ITALY' DIVORATO DA SPESE PER ENERGIA
TRIPLICATE IN 10 ANNI

Mestre (Ve), 12 mar - (Adnkronos) - “L’economia italiana la questione energetica. L’impresa italiana paga un trenta percento in pi rispetto alle imprese europee sul costo dell’energia”. Lo ha spiegato oggi il vice ministro per le attivit produttive Adolfo Urso, nell’ambito di un convegno tenutosi a Mestre, presso la Camera di Commercio.

“Il cosiddetto ‘made in Italy’ - esemplifica Urso andando a memoria - aveva un saldo attivo della bilancia commerciale, 10 anni fa, di 54 miliardi di euro. Nel 2004, lo scorso anno, l’attivo del ‘made in Italy’ cresciuto di un terzo, a 76 miliardi di euro. Cio lo scorso anno, l’anno in cui abbiamo avuto un saldo commerciale negativo -spiega ancora il vice ministro-, l’attivo del ‘made in Italy’ era cresciuto di un terzo. Ora, perch l’attivo diventato negativo? Perch il saldo negativo sull’energia, che era 14 miliardi di euro nel 94, si triplicato, ed oggi a 36 miliardi di euro. La crescita dell’attivo dei settori del ‘made in Italy’, che stato di un terzo, in dieci anni, non riesce pi a compensare la crescita negativa del saldo della bilancia commerciale (le spese energetiche) che invece si triplicato”.

(Paj/Zn/Adnkronos)