FIAT: D'ANTONI, UN LEADER SINDACALE NON ABBANDONA LA PIAZZA
FIAT: D'ANTONI, UN LEADER SINDACALE NON ABBANDONA LA PIAZZA
''NEGLI ANNI '90 CI HANNO TIRATO I BULLONI''

Roma 12 mar. - (Adnkronos) - Pezzotta ha avuto la tentazione di abbandonare, “ma poi, fortunatamente, ha continuato fino alla fine. Del resto, un leader sa bene che deve mettere nel conto anche le contestazioni. Che vanno contrastate e battute affermando le proprie posizioni con le armi della democrazia. Mai lasciare il campo libero alle minoranze”. Cos l’ex segretario generale della Cisl e ora deputato della Margherita, Sergio D’antoni, commenta in un’intervista a “Il Corriere della Sera”, le contestazioni all’attuale segretario della Cisl Savino Pezzotta da parte di alcuni manifestanti nel corso del corteo di ieri a Roma per difendere i posti di lavoro Fiat.

Non avrei abbandonato il palco, sottolinea D’Antoni, “non l’ho fatto davanti ai bulloni negli anni ‘90 figuriamoci oggi”. “Spero che questo incidente serva ad aprire un dibattito sulla necessit di un sindacato unitario -conclude D’Antoni- se lo avessimo fatto quando lo dicevo io, oggi non saremo in questa situazione. Fra l’altro, con un governo che ha frantumato la concertazione e che ora, con ipocrisia pura, offre solidariet a Pezzotta. Una solidariet penosa”.

(Mbe/Ct/Adnkronos)