EDITORIA: ROMA, PRESENTATO RAPPORTO SULL'ECONOMIA DELLA CULTURA IN ITALIA
EDITORIA: ROMA, PRESENTATO RAPPORTO SULL'ECONOMIA DELLA CULTURA IN ITALIA
DALLA RICERCA EMERGE UN QUADRO CONTRADDITTORIO PER IL DECENNIO 1990-2000

Roma, 17 mar. (Adnkronos/Adnkronos Cultura) - Sono stati presentati oggi, nella sede dell’Ex Chiesa di Santa Marta, i risultati del II “Rapporto sull’economia della cultura in Italia 1990 - 2000”, promosso dall’Associazione per l’Economia della Cultura e appena pubblicata dal Mulino. L’opera analizza i caratteri economici e strutturali, le risorse finanziarie pubbliche e private, l’occupazione e l’evoluzione del settore culturale nel decennio 1990 - 2000. La ricerca si riferisce ai beni culturali, allo spettacolo dal vivo, agli audiovisivi e all’editoria.

“Sono qui presente - ha affermato Giuliano Urbani, ministro per i Beni e le Attivit Culturali - per esprimere ammirazione, gratitudine e riconoscenza per la stesura di questo rapporto, utile strumento di conoscenza. Quello che si fatto dal 1990 al 2000 pu essere riassunto in un’immagine: siamo stati una sorta di ‘lumaca’, ma una lumaca che si mossa nella direzione giusta. Al di l della contraddittoriet che si riscontra nel testo, si comunque andati nella direzione giusta. Per il 2000-2005, poi, la ‘lumaca’ ha mosso altri passi. Se non facciamo un ‘salto di quantit’ negli investimenti della cultura, non possiamo crescere. In questi giorni sto lavorando ad un ‘libro bianco’ – ha aggiunto il ministro Urbani - il cui titolo emblematico ‘Occorre spendere di pi nella cultura’. Questo tipo di economia conviene sotto molti profili: primo per conservare i tratti caratteristici del nostro paese, poi per valorizzarli, e, in questo modo, incrementare il turismo”. (segue)

(Per/Pe/Adnkronos)