RINASCIMENTO: FIRENZE, DISCENDENTI DEL MAGNIFICO SOTTOPOSTI A ESAME DNA (3)
RINASCIMENTO: FIRENZE, DISCENDENTI DEL MAGNIFICO SOTTOPOSTI A ESAME DNA (3)

(Adnkronos) - Ciatti ha spiegato che il lavoro si svolge in tre fasi: la prima, gi avviata e in parte conclusa, per evitare che l’apertura delle tombe non danneggi i manufatti; nella seconda il problema immagazzinare in sicurezza tutti i reperti; la terza riguarda, infine, il restauro delle singole opere rinvenute.

Cristina Acidini, soprintendente per l’Opifico delle Pietre Dure, ha definito questo impegno “una grande sfida sotto il profilo conservativo”, ed ha ammesso di aver trovato, all’apertura dei loculi, “una situazione pi grave di quanto avessimo immaginato”. Attraverso i reperti rinvenuti nelle tombe, gli studiosi contano di ricostruire moda, abitudini e costumi della vita della corte dei Medici.

Ma non tutto. Allo scopo di individuare la presenza di eventuali cripte e vani sotto il pavimento delle Cappelle Medicee stata eseguita anche un’indagine particolareggiata con il georadar, affidata al professor Mario Marchisio dell’Universit di Pisa. In particolare, sarebbe emersa un’anomalia, probabilmente un vuoto, nel pavimento in prossimit della lapide di Giovanni dalle Bande Nere. (segue)

(Fbo/Rs/Adnkronos)