TRECCANI: UGO LA MALFA ENTRA TRA GLI ITALIANI ILLUSTRI (3)
TRECCANI: UGO LA MALFA ENTRA TRA GLI ITALIANI ILLUSTRI (3)

(Adnkronos) - Pi volte ministro, tocc a Ugo La Malfa dare il via alla politica di liberalizzazione dei cambi, una decisione storica che risult poi essere una delle premesse principali del cosiddetto “miracolo italiano”, e battersi strenuamente per l’adesione dell’Italia al “serpente monetario europeo”, tema su cui svolse il suo ultimo intervento parlamentare. Cos come fu uno dei primi a comprendere che il centrismo era politicamente esaurito e che bisognava procedere gradualmente all’allargamento della maggioranza al Psi, creando nel contempo un polo di forze di centro-sinistra che fosse in grado di condizionare e collaborare alla pari con la Dc, fu anche uno dei primi ad affermare l’ineluttabilit del compromesso storico con il Pci, giudicandolo un progetto con un contenuto concreto, realizzabile in un quadro di evoluzione dei rapporti internazionali.

Costante coscienza critica della maggioranza, che si manifestava con il suo frequente ricorso alle dimissioni, il rifiuto di incarichi ministeriale e i ritiri delle delegazioni repubblicane, di fronte all’emergere del terrorismo La Malfa - afferma il Dizionario Biografico degli Italiani Treccani - divenne uno dei leader pi impegnati nella politica di ferma difesa dello Stato: in occasione del rapimento di Aldo Moro fu infatti uno dei pi decisi fautori della linea della fermezza, del rifiuto cio di ogni trattativa coi brigatisti, trovando una sponda decisiva nel Pci di Enrico Berlinguer.

Collaboratore negli anni Trenta della Treccani, chiamato da Giovanni Gentile per curare le voci della sezione Industria della Enciclopedia di scienze, lettere ed arti, Ugo La Malfa fu nel 1979 il primo politico non democristiano ad essere incaricato di formare un nuovo governo.

(Sin-Xio/Rs/Adnkronos)