FISCO: RAGIONIERI E COMMERCIALISTI 'RIVEDONO' L'IRAP (2)
FISCO: RAGIONIERI E COMMERCIALISTI 'RIVEDONO' L'IRAP (2)

(Adnkronos) - Tamborrino sottolinea la posizione delicata del governo che ‘’si trova a gestire un’operazione di recupero’’. Certo ‘’non si puo’ fare a meno di un gettito di questa natura’’. Per il presidente dei commercialisti e’ opportuno aprire un tavolo con le regioni ‘’per analizzare in dettaglio le risorse reali di cui ha bisogno il paese e valutare le diverse opportunita’’’. Attraverso il dialogo e il confronto, ‘’si potrebbero trovare delle vie alternative’’. Sicuramente ‘’mai come in questo momento bisognerebbe accelerare processo di federalismo fiscale’’. Ogni regione potrebbe cosi’ valutare le sue necessita’ e intervenire con specifiche imposte.

A livello centrale si potrebbe intervenire con delle riduzioni, a partire dai lavoratori autonomi che non hanno un numero rilevante di dipendenti e dalla categoria degli intellettuali. Lavoratori che, ricorda Tamborrino, non erano assoggetati all’Ilor, imposta che di fatto ha ‘lasciato il testimone’ all’Irap. Sarebbe quindi giusto escludere immediatamente questa categoria dal pagamento del tributo. Un intervento che dovrebbe essere ‘finanziato’ con le risorse da destinare all’Irpef. E anche se in questo modo si dovrebbero rimandare di un anno le riduzioni Imposta di reddito, ci sarebbe comunque una riduzione del prelievo, come promesso dal governo. (segue)

(Sim/Pe/Adnkronos)