FOCUS: CINA, ULTIMO SCANDALO BANCARIO RIAPRE DIBATTITO RIFORMA SETTORE (8)
FOCUS: CINA, ULTIMO SCANDALO BANCARIO RIAPRE DIBATTITO RIFORMA SETTORE (8)

(Adnkronos/marketwatch) - Ma le banche cinesi, avvertono molti esperti, non sono certamente ancora fuori dai guai. Uno dei motivi per cui il tasso di insolvenze e’ diminuito e’ che gli istituti hanno concesso un gran numero di nuovi prestiti, riducendo cosi’ la percentuale dei crediti inesigibili rispetto al nuovo totale. Non e’ ancora chiaro se e come molti dei nuovi prestiti saranno ripagati. “Oggi - lamenta Andrew Rothman, responsabile per la Cina di Clsa Asia Pacific Markets - c’e’ ancora un sistema bancario posseduto, gestito e regolato dallo stato”. E’ comunque un sistema che oggi, diversamente dal passato, ha una buona possibilita’ di essere adeguadamente riorganizzato.

Tuttavia, malgrado le importanti riforme attuate in questi anni dal paese, alcuni analisti continuano a non escludere del tutto l’ipotesi di un crollo della struttura economica e finanziaria del gigante asiatico. “Il sistema bancario cinese - rileva ad esempio Greg Burch, partner di un gruppo legale statunitense che ha seguito dal punto di vista legale alcune operazioni con gruppi e banche cinesi - e’ decisamente corrotto e fragile”. “Il settore del prestito - afferma poi Locke Liddell, legale di Sinopec, una della quattro piu’ grandi compagnie petrolifere della Cina - presenta senza dubbio un grande problema problema”: quello del credito facile. (segue)

(Mdm/Opr/Adnkronos)