FOCUS: CINA, ULTIMO SCANDALO BANCARIO RIAPRE DIBATTITO RIFORMA SETTORE/ADNKRONOS
FOCUS: CINA, ULTIMO SCANDALO BANCARIO RIAPRE DIBATTITO RIFORMA SETTORE/ADNKRONOS

Pechino, 20 mar. (Adnkronos/Marketwatch) - Le improvvise dimissioni, questa settimana, del presidente di una delle quattro piu’ grandi banche commerciali cinesi - China Construction Bank (Ccb) - per un nuovo presunto caso di corruzione, hanno rilanciato con forza tra gli esperti il dibattito sul processo di riforma in atto nel sistema bancario cinese. Un processo che fin qui ha certamente proddotto importanti risultati, peraltro apprezzati dalla comunita’ di analisti internazionale, ma che non e’ certamente terminato.

L’ultimo scandalo, ha sottolineato il Wall street Journal nei giorni scorsi, evidenzia molto bene la presenza di una grande contraddizione nel processo di riforma: sebbene Pechino da una parte stia spingendo seriamente le banche statali a diventare piu’ trasparenti e ad adottare metodi di gestione sempre piu’ moderni e sempre piu’ in linea con un’economia di mercato, le decisioni importanti sono ancora prese in segreto dal partito comunista cinese e non dai consigli di amministrazione delle banche stesse.

E la corruzione, come questo ennesimo scandalo sembra dimostrare ancora una volta, continua ad essere un problema molto grave, anche se fin qui sono stati compiuti importanti passi in avanti e il governo sembri davvero determinato a costruire un sistema credibile ed efficiente che possa competere internazionalmente. (segue)

(Mdm/Gs/Adnkronos)