BANCHE: OPA SU BNL E ANTONVENETA- MESSORI, FATTO INELUTTABILE E POSITIVO
BANCHE: OPA SU BNL E ANTONVENETA- MESSORI, FATTO INELUTTABILE E POSITIVO
L'ECONOMISTA, DARE VITA AD ALTRE AGGREGAZIONI PER COMPETERE

Roma, 23 mar. - (Adnkronos) - “Bnl e Antonveneta nello scacchiere europeo si possono configurare banche locali. In ogni caso, le Opa sono un fatto ineluttabile e positivo. In un mercato aperto, il problema della reciprocit non si pone. Purtroppo le nostre banche rispetto alle altre europee sono piccole. Bisogna dare vita ad altre aggregazioni per competere: il processo a livello Ue sta continuando e nel giro di un decennio resteranno una decina di grandi gruppi”. Lo ha dichiarato a ‘Il Sole 24 Ore’ Marcello Messori, docente di economia dei mercati monetari e finanziari all’univerisit Tor Vergata di Roma, commentando le due Opa straniere (spagnola e olandese) su Bnl e Antonveneta e l’intervento nell’operazione di Mps e Unipol.

“La nostra legge sulle Opa -continua Messori- molto buona, consente di lanciare un’offerta e agli altri di replicare. Se c’ un altro attore che pu fare un’ulteriore mossa, in assoluto positivo. Nel caso specifico, ho qualche dubbio sulla convenienza per Mps e Unipol: l’offerta del Bbva gi elevata. Quanto alla politica -conclude- deve porre attenzione sulla crescita del nostro sistema bancario, perch pesa sulla competitivit del Paese. Ma tenersi fuori dai singoli episodi”.

(Vib/Pn/Adnkronos)