BANCHE: SINDACATI, CONTENDIBILITA' E' FATTORE POSITIVO (2)
BANCHE: SINDACATI, CONTENDIBILITA' E' FATTORE POSITIVO (2)

(Adnkronos) - L’ipotesi di rinnovo del contratto collettivo nazionale 1999, approvata all’85% nelle assemblee dei lavoratori, sottolineano le sigle sindacali, “ha rafforzato il ruolo delle nostre organizzazioni in materia sia di informazione/valutazione sulle strategie e sui piani industriali, sia di negoziazione delle tutele per tutte le ricadute sui lavoratori. Anche le nostre organizzazioni, quindi, non giungono impreparate all’appuntamento con la contendibilit europea della propriet delle banche! Gli stessi principi valgono per i Gruppi bancari italiani attivi nell’acquisizione del controllo di aziende di credito europee, soprattutto all’Est, ai quali -dicono Falcri, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca e Dircredito- chiediamo una significativa qualificazione delle normative comunitarie sui comitati di azienda con particolare riferimento ai diritti fondamentali dei lavoratori, alla salute, alla sicurezza, alle tutele occupazionali”.

I processi di acquisizione del controllo sovranazionale oggi e, verosimilmente, i fenomeni di fusione e di incorporazione tra aziende bancarie, assicurative, finanziarie europee domani, rilevano, “chiamano in causa la costituzione di uno spazio sindacale europeo in grado di definire sedi, procedure, soggetti della negoziazione e delle protezioni sociali. A questo esito l’Uni e la Cec, le nostre organizzazioni internazionali di tutti i lavoratori del terziario, stanno lavorando da tempo nelle sedi istituzionali comunitarie preposte alle politiche sociali. Non mancher, come sempre avvenuto, il contributo qualificato delle nostre organizzazioni”.(segue)

(Sec/Rs/Adnkronos)