COMPETITIVITA': CISAL, FLESSIBILITA' PATTO UE TOCCHINO SOPRATTUTTO SUD
COMPETITIVITA': CISAL, FLESSIBILITA' PATTO UE TOCCHINO SOPRATTUTTO SUD
CAVALLARO, SERVE SVOLTA IN QUESTA DIREZIONE IN FINANZIARIA 2006

Roma, 23 mar. (Adnkronos) - “Nella convinzione totale che il Mezzogiorno dovr fare da apripista alla crescita del Paese, d’obbligo che il Governo prenda atto che i provvedimenti sulla competitivit e, ancora di pi, la flessibilit che sar possibile nel Patto di stabilit europeo, dovranno riguardarlo molto da vicino per creare maggiori spazi d’intervento e disponibilit di risorse”. La pensa cosi’ il segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro, che si sofferma sulle conseguenze di una scarsa attenzione al Sud d’Italia: in caso contrario, osserva, “tutto diventer pi difficile e di questo l’esecutivo dovr risponderne al Paese . Ci aspettiamo, perci, un cambio di atteggiamento che dovr farsi sentire cominciando ad impegnare pi risorse gi dalla prossima Finanziaria”.

“Da pi parti e da tempo -sottolinea il sindacalista- si dice e si afferma che il Mezzogiorno dovr essere il punto di riferimento per lo sviluppo. Tanto si dice ma poco si sta facendo in termini di velocizzazione per le opere infrastrutturali gi avviate. In poche parole, la straordinariet necessaria che deve affrontare il momento di crisi che stiamo attraversando, non si avverte. E anche i segnali ultimi che vengono dall’occupazione nel meridione, lo confermano”.

(Sec-Ver/Gs/Adnkronos)