LAVORO: OCSE, IN ITALIA OCCUPAZIONE CRESCE +0,5% L'ANNO (2)
LAVORO: OCSE, IN ITALIA OCCUPAZIONE CRESCE +0,5% L'ANNO (2)
NOSTRO PAESE FANALINO CODA PER TASSO GIOVANI E ANZIANI

(Adnkronos/Labitalia) - Guardando alle fasce d’eta’, il tasso di occupazione per il gruppo tra i 25 e i 54 anni risulta simile in tutti i Paesi analizzati e prossimo al 70% nel 2003. Il dato italiano e’ pero’ tra i piu’ bassi: 70,8%, contro il 77,2% Ue e il 75,3% Ocse. Una variabilita’ maggiore si riscontra nei dati occupazionali dei giovani (15-24 anni), anche a seguito -sottolinea lo studio- delle politiche di incoraggiamento all’istruzione che hanno portato a una caduta del tasso di occupazione per questa fascia d’eta’ nel complesso dei Paesi Ocse. Nel 2003, comunque, l’Italia (dopo la Polonia, ferma al 19,6%) e’ fanalino di coda per l’occupazione giovanile, con il 26%, addirittura in calo rispetto al 29,8% del 1990. Sopra il 40%, invece, le medie Ue (40,3%) e Ocse (42,9%).

Notevoli le differenze anche nei tassi di occupazione degli anziani per i diversi Paesi presi in esame. Si oscilla, in questo caso, da medie superiori al 70% nei Paesi scandinavi a meno del 30% nell’Est Europa. Tra le piu’ basse, la media italiana, pari al 30,3% nel 2003, a fronte del 41,5% della Ue e del 50,1% dell’Ocse. (segue)

(Lab/Zn/Adnkronos)