PATTO STABILITA': E. LETTA, FUORI LUOGO PAROLE DI FINI E BERLUSCONI
PATTO STABILITA': E. LETTA, FUORI LUOGO PAROLE DI FINI E BERLUSCONI
LO VOGLIONO UTILIZZARE ELETTORALMENTE

Roma, 23 mar. - (Adnkronos) - Le parole del ministro Fini ‘’confermano le pi nere previsioni sull’utilizzo elettorale che il governo ha intenzione di fare della revisione del Patto di stabilit. E’ gi di per s fuori luogo indicare in Berlusconi il protagonista del Patto stesso’’. E’ quanto afferma il responsabile economico della Margherita Enrico Letta secondo cui ‘’questa interpretazione circola solo sulla stampa nazionale. La stampa internazionale - aggiunge -riconosce invece come protagonisti di questo risultato potenzialmente utile per la crescita europea l’azione del presidente Junker, l’iniziativa franco-tedesca e l’atteggiamento della Commissione europea sia nella proposta della Commissione Prodi che nella Commissione Barroso’’.

Per Letta, ‘’se la riforma del Patto c’ stata questo lo si deve innanzitutto alla Commissione Prodi che ha presentato a settembre la proposta sulla quale si lavorato per raggiungere un accordo. Sono dunque del tutto fuori luogo le parole che il ministro degli Esteri e il presidente del Consiglio continuano a pronunciare in queste ore. E’ fondamentale che l’interpretazione del Patto 2 nella sua fase applicativa sia un giusto equilibrio tra l’esigenza di crescita e il rigore sui conti pubblici. Parole come quelle di Fini e di Berlusconi lasciano intendere invece che per loro l’equazione : Patto 2 = pi deficit e pi debito. Possiamo assicurare - conclude- che il nostro rigore nel contrastare una simile deriva sar assoluto’’.

(Sec/Pn/Adnkronos)