PETROLIO: A NEW YORK PREZZI POCO SOPRA I 55 DOLLARI AL BARILE
PETROLIO: A NEW YORK PREZZI POCO SOPRA I 55 DOLLARI AL BARILE
ORO NERO RALLENTA SU RASSICURAZIONI OPEC E RIMBALZO DEL DOLLARO

New York, 23 mar. (Adnkronos/Marketwatch) - L’oro nero rallenta il passo quest’oggi e scende intorno ai 55 dollari al barile dopo che l’Opec ha nuovamente paventato la possibilita’ di mettere in atto un secondo incremento della produzione per raffreddare i prezzi e sulla scia del recente rafforzamento del dollaro. Il contratto per le consegne di maggio, quotato al Nymex, veleggia in questo momento a 55,09 dollari al barile, in deciso ribasso rispetto al record raggiunto la settimana scorsa a quota 57,60 dollari. I prezzi ieri hanno perso piu’ di 1,40 dollari sulle prese di profitto. In calo anche il Brent, che cede 50 centesimi a 54,09 dollari al barile

Il rimbalzo del dollaro, che oggi ha toccato un nuovo massimo di un mese contro la monata unica sulla scia della decisione della Federal Reserve di aumentare il costo del denaro di un altro quarto di punto, contribuisce al ribasso odierno del greggio. L’oro nero ha guadagnato quasi il 28% dall’inizio dell’anno proprio sulla scia di un dollaro debole. La debolezza del biglietto verde ha infatti incoraggiato i fondi a spostarsi dai Treasury alle commodity. C’e’ inoltre attesa sul mercato per i dati sulle scorte di greggio negli Usa, che saranno annunciati piu’ tardi dal dipartimento di energia statunitense. Secondo gli analisti, nella settimana terminata il 18 marzo le scorte di greggio dovrebbero essere aumentate di 2 milioni di barili, mentre quelle di benzina diminuite di 1,2 milioni di barili. L’oro nero ha oggi toccato un massimo e un minimo di seduta rispettivamente a 55,93 e a 55,04 dollari al barile. (segue)

(Mdm/Zn/Adnkronos)