TFR: CONGELATO DECRETO REGOLE IN ATTESA EMENDAMENTO COVIP, SLITTA SILENZIO-ASSENSO/ANDKRONOS (2)
TFR: CONGELATO DECRETO REGOLE IN ATTESA EMENDAMENTO COVIP, SLITTA SILENZIO-ASSENSO/ANDKRONOS (2)

(Adnkronos) - “Il ritardo sul silensio assenso e’ legato alla ddl risparmio. E’ chiaro che se il secondo decreto fosse pronto per il 15 luglio sarebbe inutile emenarlo scivolando ad agosto e rubando cosi’ un mese di tempo ai lavoratori. E’ piu’ probabile che si faccia slittare tutto a settembre”, dice ancora Brambilla. Il Welfare, dunque, resta in attesa di vedere come si chiudera’ la partita Covip, e’ sicuro che dara’ presentato un nuovo emendamento al Senato, “c’e’ un ampio consenso nella maggioranza”, ma non esclude che in assenza di una modifica ad hoc si possa ripensare “ad un decreto unico”, su regole di governance e silenzio assenso.

I sindacati, dal canto loro , hanno ascoltato le difficolta’ esposte dal governo e ribadito alcuni loro punti di forza. “E bene che ritorni il controllo unico della Covip ma questo non vuol dire che si debba procedere all’equiparazione tra fondi negoziali e polizza assicurative”, spiega al termine il segretario confederale della Cgil, Morena Piccinini. Un concetto ribadito anche da Cisl, Uil e Ugl. “Siamo molto preoccupati per il rallentamento del confronto che rischia di rinviare ulteriormente l’applicazione del silenzio -assenso oltre il termine inizialmente previsto dal governo del 1 luglio - dice il segretario confederale della Cisl, Pier Paolo Baretta favorevole ad omogeneit nella vigilanza del settore della previdenza complementare ma in attesa di segnali concreti sull’avviso comune presentato da sindacati e imprese.(segue)

(Red/Opr/Adnkronos)