ARGENTINA: PATAGONIA, A 98 ANNI FA SCOPRIRE I RESTI DI DINOSAURO
ARGENTINA: PATAGONIA, A 98 ANNI FA SCOPRIRE I RESTI DI DINOSAURO
DONNA CONSERVAVA UN ENORME TIBIA NEL SUO TERRENO

Buenos Aires, 23 mar. - (Adnkronos) - Ricordava che vicino alla sua casa c’era un grande giacimento di fossili, nel suo terreno conservava un’enorme tibia di dinosauro: a 98 anni diventata la guida di un gruppo di paleontologi a caccia di animali del passato. Grazie alla quasi centenaria ‘’Dona Tika’’, al secolo Filomena Avila, i ricercatori hanno cos scoperto nel nord-est del rio Negro, in Patagonia, a una decina di chilometri dal paese di Cerro Policia, i resti di un dinosauro erbivoro molto raro, dalla mandibola di forma quadrata.

I paleonotologi hanno raccontato alla stampa argentina che sul principio ‘’Dona Tika’’ era scettica e non voleva rivelare dove si trovasse la “cava” di fossili, perch pensava che gli scienziati fossero dei trafficanti di resti. Poi i ricercatori hanno scoperto che conservava una tibia di dinosauro nella sua propriet e l’hanno convinta che la loro presenza in quella zona era puramente scientifica.

La donna aveva partecipato da ragazzina a una spedizione di paleontologi nel 1922 vicino al paese. Alcuni dei resti trovati in quell’occasione furono esposti al museo di scienze naturali de La Plata. Ma in quella zona erano rimasti ancora moltissimi resti dopo quella esplorazione, e donna Tika lo sapeva. (segue)

(Aba/Zn/Adnkronos)