ARCHEOLOGIA: 'LA REPUBBLICA' - EGIZI GRANDI NAVIGATORI, STORIA DA RISCRIVERE (2)
ARCHEOLOGIA: 'LA REPUBBLICA' - EGIZI GRANDI NAVIGATORI, STORIA DA RISCRIVERE (2)
L'ARCHEOLOGO TOSI, NAVIGHERO' FINO ALL'INDIA IN MARE APERTO

(Adnkronos) - “La scoperta di una vita”, l’ha definita Bard, perch ha da un lato localizzato nello Yemen la terra di Punt, che prima si immaginava essere l’attuale Somalia, e dall’altro ha smentito quanti dubitavano delle capacit nautiche degli Egizi, credendo che tutte le loro grandi spedizioni avvenissero via terra.

Ma la scoperta di Marsa Gawasis potrebbe rappresentare anche qualcos’ altro: una ulteriore prova delle navigazioni che nell’antichit univano l’India e l’Africa. “Dall’oceano indiano viene la barca pi antica mai scoperta -spiega l’archeologo dell’Universit di Bologna Maurizio Tosi- E’ stata ritrovata nelle sabbie del Kuwait e risale al VI millennio a.C. E’ molto simile alle ‘nere navi di Magan’, risalenti a tre millenni pi tardi. Sono l le origini della marineria araba”.

Tosi spiega che la rotta in mare aperto dall’Oman all’India documentata nelle cronache arabe medievali, ma lo studioso, dopo approfonditi studi, vuole dimostrare che la percorrevano anche gli antichi: “Sto ricostruendo in Oman una delle ‘navi di Magan’-annuncia Tosi- Navigher fino all’India con la flotta dell’Oman”.

(Tgl/Ct/Adnkronos)