PREZZI: CONSUMATORI, SU ENERGIA E CARBURANTI BASTA INERZIA GOVERNO (2)
PREZZI: CONSUMATORI, SU ENERGIA E CARBURANTI BASTA INERZIA GOVERNO (2)
BLOCCARE AUMENTO E RESTITUIRE 6 CENTESIMI AL LITRO DI CARBURANTE PER TASSE 2001

(Adnkronos) - Il governo, quindi, secondo le associazioni dei consumatori deve agire concretamente “innanzitutto bloccando ogni aumento delle tariffe ed inoltre restituendo 6 centesimi al litro di carburante per tasse maggiormente incamerate dal 2001 al 2005 attraverso aumenti dell’accisa e dell’Iva (pari a circa 1,5 miliardi di euro annui). Oltre ad intervenire concretamente sulla speculazione dei petrolieri in merito alla doppia velocit della benzina -sottolineano ancora- bisogna accelerare i processi di modernizzazione del settore della distribuzione anzich blaterare continuamente su inezie come messaggini e cartelloni indicanti il prezzo dei carburanti. Inoltre aprire ai grandi centri commerciali con grande determinazione per abbattere di almeno 5 centesimi al litro il prezzo dei carburanti”.

Se queste, osservano, “sono operazioni concrete che si possono attuare immediatamente il nostro paese esige la definizione e l’accelerazione di un serio piano energetico basato essenzialmente sul risparmio, sulle fonti alternative e su una maggiore competizione nella produzione e nella vendita di elettricit e gas. In mancanza di ci continueremo a detenere i tristi primati della maggiori tariffe in campo europeo. Tale situazione non solo diventata insopportabile per le famiglie ma diventato un freno molto pesante alla competitivit di sistema delle imprese necessaria a poter gareggiare nell’ambito di una concorrenza sempre pi elevata nel mercato internazionale”.

(Sec/Rs/Adnkronos)