PAPA: L'ECUMENISMO E IL LAVORO DEI GIOVANI NEL PRIMO MAGGIO DI BENEDETTO XVI/ADNKRONOS (4)
PAPA: L'ECUMENISMO E IL LAVORO DEI GIOVANI NEL PRIMO MAGGIO DI BENEDETTO XVI/ADNKRONOS (4)
LE CONDIZIONI LAVORATIVE DEVONO ESSERE RISPETTOSE DELLA DIGNITA' DELLA PERSONA

(Adnkronos) - “Quest’oggi iniziamo il mese di maggio – ha spiegato infatti il pontefice - con una memoria liturgica tanto cara al popolo cristiano, quella di San Giuseppe Lavoratore. Fu istituita dal Papa Pio XII di venerata memoria proprio cinquant’anni or sono, per sottolineare l’importanza del lavoro e della presenza di Cristo e della Chiesa nel mondo operaio. E’ necessario testimoniare anche nell’odierna societ il “Vangelo del lavoro”, di cui parlava Giovanni Paolo II nell’enciclica Laborem excercens’’.

‘’Auspico -ha sottolineato- che non manchi il lavoro specialmente per i giovani, e che le condizioni lavorative siano sempre pi rispettose della dignit della persona umana. Penso con affetto a tutti i lavoratori e saluto quelli raccolti in Piazza San Pietro appartenenti a numerose associazioni. In particolare saluto gli amici delle Acli (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani), che celebrano quest’anno il sessantesimo di fondazione, ed auguro loro di continuare a vivere la scelta della “fraternit cristiana” come valore da incarnare nel campo del lavoro e della vita sociale, perch la solidariet, la giustizia e la pace siano i pilastri su cui costruire l’unit della famiglia umana”. (segue)

(Fpe/Zn/Adnkronos)