CALABRIA: MINACCE SINDACO LAMEZIA TERME - FRANZE', LA CITTA' SI RIBELLI ALL'ARROGANZA
CALABRIA: MINACCE SINDACO LAMEZIA TERME - FRANZE', LA CITTA' SI RIBELLI ALL'ARROGANZA
PRESIDENTE DELLA COMPAGNIA DELLE OPERE MAGNA GRECIA, I LAMETINI SONO STANCHI

Lamezia Terme, 4 mag. - (Adnkronos) - ‘’L’ulteriore intimidazione mafiosa ai danni del neoeletto sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, un atto vile e vergognoso. Lamezia una citt che ha bisogno di democrazia e di rappresentanze legittime. Chi vuole governarla deve presentarsi di fronte alla citt ed agli elettori democraticamente’’. Lo afferma in una nota Giancarlo Franz, presidente della Compagnia delle Opere ‘’Magna Grecia’’ della Calabria.

‘’La citt - commenta Franz - stufa di inquietanti e violenti messaggi da parte di forze occulte che pensano di poter continuare a danneggiare, per i loro meschini interessi, la totalit dei cittadini, delle imprese, delle forze sane della citt e le sue stesse possibilit di sviluppo’’. E Franz fa ricorso ad una storica frase pronunciata da Giovanni Paolo II ad Agrigento nel maggio del 1993: ‘’’Convertitevi! Un giorno verr il giudizio di Dio!’’’.

Un grido, che secondo il presidente della compagnia delle Opera della Calabria, ‘’ritorna oggi ancora attuale, per chi crea ed alimenta la subcultura dell’intimidazione e della prepotenza’’. Per Franz ‘’e’ necessaria la coesione di tutte le forze sociali e di tutte le forze democratiche di Lamezia Terme, perch la citt non venga riportata nel tunnel buio in cui spesso negli ultimi anni stata ricacciata. I lametini - coclude - vogliono essere protagonisti del loro sviluppo e vogliono vivere in una citt libera dall’oppressione arrogante di piccole forze malsane’’.

(Prs/Rs/Adnkronos)