CAMPOBASSO: CASO IZZO - CASTELLI, DOVERE AGIRE PRESTO MA SENZA IMPULSI EMOTIVI (2)
CAMPOBASSO: CASO IZZO - CASTELLI, DOVERE AGIRE PRESTO MA SENZA IMPULSI EMOTIVI (2)
'IN LUNGA CARCERAZIONE DA VARI TRIBUNALI NUMEROSE RIDUZIONI PENA E PERMESSI PREMIO'

(Adnkronos) - Castelli ha ricostruito la vicenda di Angelo Izzo, che godeva della semilibert concessagli dal Tribunale di sorveglianza di Palermo il 9 novembre 2004. Dal carcere di Campobasso era stato trasferito al ‘Pagliarelli’ di Palermo il 4 dicembre 2003, e qui qualche settimana dopo, il 23 dicembre, aveva presentato istanza di semilibert e di liberazione condizionale.

“Il Tribunale di sorveglianza di Palermo, disposta l’acquisizione presso le case circondariali di competenza di molteplici relazioni sul comportamento del detenuto, ha dichiarato -ha riferito ancora il Guardasigilli- l’inammissibilit dell’istanza di liberazione condizionale, accogliendo invece quella di semilibert. Pertanto, Izzo ha usufruito del regime di semilibert per circa 5 mesi nel comune di Campobasso”.

Castelli ha ricordato anche che Izzo “nel corso della sua lunga carcerazione ha ottenuto da vari Tribunali di sorveglianza numerose riduzioni di pena nonch permessi premio”.

(Sin-Pec/Col/Adnkronos)