CDL: PROVE TECNICHE PER PARTITO UNICO, TRA DUBBI E CERTEZZE/RIEPILOGO (7)
CDL: PROVE TECNICHE PER PARTITO UNICO, TRA DUBBI E CERTEZZE/RIEPILOGO (7)
TABACCI, COSTRUIRLO SU BASE POPOLARE - TASSONE, SONO PERPLESSO

(Adnkronos) - Voce fuori dal coro il presidente della commissione Attivit produttive di Montecitorio, Bruno Tabacci. “Smettiamo di chiamarlo partito unico, perch questa roba americana non ci porta da nessuna parte''. L’esponente centrista disponibile a discutere del progetto, ma avverte gli alleati sui contenuti del futuro soggetto politico. Poi indica il percorso da seguire in vista del 2006. “Credo -dice- che tutti quelli che la pensano in una maniera abbastanza omogenea debbano lavorare per costruire una formazione politica nuova su base nazionale e non regionale, su base popolare, aperta cioe' alla partecipazione della gente, con riferimento al meccanismo europeo dove ci sono le grandi famiglie politiche. Ma soprattutto pensiamo di costruire questa nuova formazione con metodo democratico, che e' la vera scriminante”.

Piu’ cauto il vice presidente dell’Udc, Mario Tassone “perplesso” sull’idea di un partito unico. “Non mi convince l'idea che possa eliminare con un colpo di spugna le tante identita' dei singoli partiti che hanno fatto la storia del Paese”. (segue)

(Pol-Rif/Gs/Adnkronos)