METALMECCANICI: SACCONI, SI' A FLESSIBILITA' MA ANCHE AMPIO IMPIEGO LEGGE 30
METALMECCANICI: SACCONI, SI' A FLESSIBILITA' MA ANCHE AMPIO IMPIEGO LEGGE 30
DA QUESTO SCAMBIO SI MISURA MODERNITA' ATTORI SOCIALI

Roma, 17 mag.(Adnkronos) - Per il sottosegretario al Welfarem Maurizio Sacconi, la flessibilita’ organizzativa, al centro dello scambio che Federmeccanica propone a Fim Fiom e Uilm in campio di aumenti di salario, deve essere inclusa non solo la modulazione degli orario ma anche “un ampio impiego della Legge Biagi”.

Per Sacconi, che oggi interviene sulla vicenda, “preoccupa il conflitto tra Federmeccanica e sindacati che ancora non hanno concordato il complesso delle materie oggetto di un possibile “scambio” tra le parti”. “La competitivit, infatti, - prosegue- influenzata non dai salari ma dal costo del lavoro per unit di prodotto. Se il Governo vi pu contribuire riducendo il cuneo contributivo fiscale sul lavoro, le parti possono realizzare uno scambio virtuoso tra salari e flessibilit organizzativa, includendo nella definizione tanto la modulazione degli orari quanto un ampio impiego della Legge Biagi”. E conclude:”dalla intensit di questo scambio si misurer la modernit degli attori sociali anche perch atteggiamenti conservatori avrebbero l’effetto di impedire una possibile crescita dei salari”..

(Tes/Ct/Adnkronos)