ELEZIONI: CDL ESULTA PER VOTO SICILIA MA DEVE FARE CONTI CON BOOM AUTONOMISTI/RIEPILOGO (3)
ELEZIONI: CDL ESULTA PER VOTO SICILIA MA DEVE FARE CONTI CON BOOM AUTONOMISTI/RIEPILOGO (3)
GIOVANARDI, CDL UNITA VINCE - D'ONOFRIO, RAFFORZAMENTO LEADERSHIP BERLUSCONI

(Adnkronos) - Nel partito di Follini c’e’ chi vede il risultato elettorale siciliano come una occasione per una “riflessione forte”. Come il vice segretario vicario dell’Udc Mario Tassone: l’esito del voto nell’isola, dice, “non deve aprire una sorta di ‘resa dei conti’ all’interno della coalizione di centrodestra, ma dev’essere l’occasione per una riflessione forte sul percorso da seguire in questa fase finale della legislatura e sulle iniziative politiche da assumere, in vista delle elezioni del 2006, si’ da corrispondere alle attese degli italiani”.

Secondo il ministro per i rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi, da sempre convinto sostenitore della linea del Cavaliere, il voto siciliano “dimostra che la Cdl puo’ ancora vincere”. E a Catania il centrodestra “ha vinto con il concorso di Berlusconi, con una straordinaria mobilitazione dei partiti e anche dei personaggi politici come Raffaele Lombardo che hanno dimostrato di avere un grande radicamento sul territorio”.

‘’E’ una straordinaria vittoria di tutti, del sindaco, del vicesindaco e di tutta la coalizione. Quando la Cdl e’ coesa e compatta diventa un valore aggiunto’’, commenta il Governatore della Sicilia Toto’ Cuffaro. L’esponente centrista, che elogia il contributo dato dalle liste autonomiste alla vittoria del centrodestra, dice che comunque rimarra’ nell’Udc, ma “guardando con molta attenzione all’evoluzione politica di Lombardo”, e osserva come l’esito del voto “rida’ fiato, speranza e nuovo entusiasmo alla Cdl in vista delle elezioni regionali”. Per il presidente dei senatori Udc Francesco D’Onofrio, il risultato elettorale siciliano e’ anche “il rafforzamento di Berlusconi quale capo della Casa delle liberta’”. (segue)

(Pol-Fer/Opr/Adnkronos)