GIORGIANA MASI: DI PIETRO, COSSIGA AVEVA OBBLIGO DI RIFERIRE A GIUDICI
GIORGIANA MASI: DI PIETRO, COSSIGA AVEVA OBBLIGO DI RIFERIRE A GIUDICI
'ORA RISCHIA DI INFANGARE RICORDO DI MASI'

Roma, 17 mag. (Adnkronos) - “Non carit citare come testimone un morto per sostenere una tesi indimostrabile”. Lo dichiara Antonio Di Pietro, presidente dell’Italia dei Valori, commentando le dichiarazioni del presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga sull’omicidio della studentessa Giorgiana Masi, avvenuto nel maggio ‘77 a Roma durante una manifestazione .

“Per altro -continua Di Pietro- faccio rilevare che nella sua funzione, all’epoca dei fatti, di Ministro degli interni e successivamente di Capo dello Stato, il Presidente Cossiga era un pubblico ufficiale e come tale aveva il dovere riferire all’autorit giudiziaria quanto in sua conoscenza sull’accaduto. Facendolo ora rischia solo di infangare il ricordo di chi ci ha rimesso la vita e discreditare il nome del partito di appartenenza, tanto pi che gli esponenti Radicali, organizzatori della manifestazione, si sono sempre caratterizzati per l’esercizio della non violenza”.

(Com-Lag/Rs/Adnkronos)