SICILIA: REFERENDUM, VIA LIBERA ALLA RIFORMA SU LEGGE ELETTORALE
SICILIA: REFERENDUM, VIA LIBERA ALLA RIFORMA SU LEGGE ELETTORALE
GLI ISOLANI CON IL 56% DEI VOTI HANNO CONFERMATO LA NORMA DELL'ARS

Palermo, 17 mag. - (Adnkronos) - Il deputato sicilianista parla di un “passo indietro”, mentre l’assessore al Bilancio esulta e punta sulla “maturita’ politica dell’isola”, per An e’ un “premio alla coerenza del partito”. Il risultato, pero’, e’ uno solo: il 56% dei siciliani ha votato si’ al referendum regionale e conferma cosi’ la legge elettorale varata l’anno scorso dall’Assemblea regionale siciliana. Cosi’, gli oltre cinque milioni di siciliani saranno chiamati gia’ il prossimo anno con la nuova norma che prevede, tra l’altro, lo sbarramento del 5% dei partiti e una quota per le donne.

Il verdetto finale, arrivato in serata, parla chiari: I ‘Si’’ al referendum, ma solo il 17% dei siciliani ha votato, sono stati 369 mila, pari al 56,55%. Solo 283.553 i ‘No’, pari al 43,45%. Sette province si sono espresse a favore delal conferma della norma nuova: Caltanissetta, Siracusa, Trapani, enna, Ragusa, messina e Catania. Invece, sono in forte controtendenza Palermo e Agrigento, la provincia del Governatore.

(Ter/Col/Adnkronos)