FECONDAZIONE: VATTIMO, PREVALENTE IL DIRITTO DELLE COPPIE
FECONDAZIONE: VATTIMO, PREVALENTE IL DIRITTO DELLE COPPIE

Roma, 5 giu. - (Adnkronos) - Gianni Vattimo, filosofo e teorico del “pensiero debole”, tra il rispetto dell’embrione -che non puo’ comunicare e rivendicare i propri diritti- e le aspettative dei malati che attendono una cura dalle cellule staminali o i diritti delle coppie che non riescono a procreare e che chiedono di essere curate, non ha dubbi: sceglie le persone che si possono vedere e toccare e che, soprattutto, sono coscienti dei loro diritti e sono in grado di rivendicarli.

“Se ci sono dei diritti che appartengono a un ente che non li puo’ indicare, e di cui qualcuno sa che ci sono e li puo’ tutelare, tanto vale consegnarci a qualche dittatura degli illuminati. Il punto non e’ tanto sapere se l’embrione e’ gia’ persona - afferma Vattimo - ma se esiste un diritto di natura che qualcuno puo’ imporre anche a chi non ci crede”.

‘’Le leggi sono quelle che vengono stabilite dallo Stato di diritto - sottolinea il filosofo torinese - in base alla libera discussione dei cittadini. Il convenzionale e’ la responsabilita’ umana che decide, senza tenere conto di cio’ che appare piu’ naturale, piu’ ovvio e che in genere e’ la verita’ di quelli che possono imporre i loro sistemi, i loro criteri, non sempre in maniera disinteressata”.

(Red-Xio/Zn/Adnkronos)