CASO ALPI: TAORMINA, OPPOSIZIONE RIPRENDA SUO DETERMINANTE RUOLO IN COMMISSIONE (2)
CASO ALPI: TAORMINA, OPPOSIZIONE RIPRENDA SUO DETERMINANTE RUOLO IN COMMISSIONE (2)
'IN INTERVISTA NON ESISTE INDICAZIONE SU CONTENUTO ATTI DI INDAGINE'

(Adnkronos) - Taormina riferisce di essere stato “sollecitato ad accondiscendere alla richiesta del giornalista” a lui “ignoto” da “consulenti presenti in Commissione”. In ogni caso, sostiene, nell’intervista “non esiste l’indicazione del contenuto di alcun atto di indagine ma molto pi semplicemente, ed in assoluta correttezza, lo stato degli atti relativamente agli obiettivi che la Commissione fino a questo momento ha centrato”.

Come nel caso delle modalit della uccisione dei due giornalisti: “Affermo, nel pi rigoroso rispetto della segretezza di quegli atti, che fu conseguenza della evoluzione degli eventi, frase indicativa di una genericit utilizzata appunto per salvaguardare i contenuti degli atti stessi”. In ogni caso, aggiunge Taormina, “l’intervistatore, al quale ho rilasciato dichiarazioni registrate, non solo ha effettuato valutazioni che non mi appartengono e le ha messe in una evidenza tale da indurre il lettore a pensare che fossero mie valutazioni, ma egli chiamato a puntualizzare che i dati da me indicati furono evidenziati facendo presente che si trattava di risultati allo stato degli atti e che, come sempre, tutto era ancora sotto riscontro”.

Puntualizzazioni di cui nell’intervista non c’ traccia, lamenta l’esponente di Fi, come se fosse stata “quasi preparata come una trappola per creare confusione in un momento di grande certezza”. “Sono certo -aggiunge- che i genitori di Ilaria Alpi, la Commissione e l’opinione pubblica intendano che ogni attivit istituzionale sia svolta per l’accertamento della verit e che nessuno possa pensare che la Commissione di inchiesta possa servire ad avallare una qualunque delle costruzioni propugnate dalla stampa”. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)